Riforma con senso della misura

In futuro, solo le nuove obbligazioni nazionali sarebbero esenti dall’imposta preventiva. Questo limita le perdite fiscali a breve termine a un minimo assoluto. Nulla cambierà nell'area molto più importante dei dividendi, che sono responsabili di miliardi di entrate per la Confederazione. Il rapporto costi-benefici della riforma è estremamente positivo, il Consiglio federale lo definisce "attrattivo". Si possono ottenere significativi benefici economici a bassi costi a breve termine.