Il Consiglio federale e il Parlamento intendono riportare in Svizzera l'attività di finanziamento delle imprese che è stata trasferita all'estero e riconquistare così i posti di lavoro persi. Le imprese svizzere dovrebbero beneficiare delle stesse condizioni per la raccolta di capitali (attraverso l'emissione di titoli) come all'estero. Ciò sarebbe il caso attraverso la riforma dell’imposta preventiva. In futuro, il reddito da interessi sulle obbligazioni nazionali sarà esente da questa tassa. Le obbligazioni estere e quelle delle grandi banche di importanza sistemica sono già esenti dall’imposta preventiva.

Perché la riforma è importante per lo Stato e per le imprese

Le aziende, così come la Confederazione, i Cantoni e le grandi città, si finanziano tra l'altro con l'emissione di obbligazioni (titoli). In cambio del capitale preso in prestito, devono versare degli interessi ai creditori (tra l’altro alle casse pensione). Oggi, questi interessi non vengono pagati interamente ai creditori. Il 35% va all'amministrazione fiscale come imposta di garanzia. Solo quando i finanziatori dichiareranno il reddito da interessi nella loro dichiarazione fiscale, riceveranno il rimborso del denaro trattenuto.

L'introduzione dello scambio automatico di informazioni (SAI) ha provocato un cambiamento nel sistema: le informazioni sui conti finanziari sono ora scambiate con le autorità fiscali straniere. Se gli investitori stranieri percepissero un reddito da interessi in Svizzera (ad esempio da obbligazioni svizzere), questo reddito verrebbe comunicato al paese dell'investitore. In questo contesto, l’imposta preventiva non ha più ragion d’essere. Ciononostante, la tassa continua ad essere riscossa, il che porta a molteplici problemi: da un lato, il recupero dell’imposta preventiva è amministrativamente molto oneroso per gli stranieri. D'altra parte, di solito ci vuole molto tempo prima che i fondi bloccati siano rimborsati e l'investitore straniero riceva il reddito da interessi a cui ha diritto. Questi ostacoli sono di solito troppo pesanti per gli investitori internazionali. Essi si astengono dall'investire in obbligazioni svizzere - a scapito delle imprese svizzere, della piazza industriale, finanziaria e di ricerca, ma anche a scapito dello Stato.

  • Finanziamenti e posti di lavoro all'estero: le imprese svizzere attive a livello internazionale sono costrette a raccogliere fondi all’estero. Questo è l'unico modo per attirare gli investitori internazionali. La raccolta di capitali significa posti di lavoro all'estero e gettito fiscale per l’estero. La piazza finanziaria svizzera e la Svizzera nel suo insieme escono perdenti. È una questione di posti di lavoro, di opportunità commerciali e di entrate fiscali che la Svizzera perde a causa della tassa.
  • Svantaggio per le PMI: per le PMI, il costo del finanziamento all'estero è troppo alto. Perdono quindi due volte gli investitori stranieri assenti. Se non possono reperire sufficiente capitale azionario – è qui che è d’intralcio la tassa di emissione, la cui abolizione sarà posta in votazione il 13 febbraio 2022 - hanno solo i prestiti bancari come via d'uscita. Alle PMI svizzere vengono negate opzioni di finanziamento più favorevoli.
  • Titoli di Stato più costosi: la Confederazione, i Cantoni e le città sono anche costretti a pagare interessi più alti (circa 120 milioni di franchi all'anno). Perché senza imposta preventiva, gli investitori stranieri sarebbero disposti a fornire capitali a condizioni molto più favorevoli. Alla fine, è sempre il contribuente che ci rimette.

Ulteriori informazioni del Dipartimento federale delle finanze: Domande e risposte sulla riforma dell’imposta preventiva (admin.ch)

Leggi gli argomenti ora

Io voto SÌ !

Leggi ora le dichiarazioni dei sostenitori e scopri le argomentazioni personali