Rimpatriare gli impieghi persi – Rafforzare la piazza economica

Sì alla riforma dell’imposta preventiva

Leggi gli argomenti

Il Consiglio federale e il Parlamento intendono riportare in Svizzera l'attività di finanziamento delle imprese che è stata trasferita all'estero e riconquistare così i posti di lavoro persi. Le imprese svizzere dovrebbero beneficiare delle stesse condizioni per la raccolta di capitali (attraverso l'emissione di titoli) come all'estero. Ciò sarebbe il caso attraverso la riforma dell’imposta preventiva. In futuro, il reddito da interessi sulle obbligazioni nazionali sarà esente da questa tassa. Le obbligazioni estere e quelle delle grandi banche di importanza sistemica sono già esenti dall’imposta preventiva.

La riforma rafforza la competitività della Svizzera quale piazza industriale, finanziaria e di ricerca. È sostenuta dal Consiglio federale, dai Cantoni (Conferenza dei direttori delle finanze) e dai gruppi parlamentari del PLR, del Centro, del PVL e dell'UDC. Anche tutte le associazioni economiche raccomandano l'accettazione della riforma dell’imposta preventiva.

 
Sì alla riforma dell’imposta preventiva

Argomenti

Notizie & Eventi
Io voto SI !

Scopri di più sui nostri argomenti personali nelle nostre dichiarazioni.